Kenneth Goh

  • 12 novembre 2013
    Par Kenneth Goh
    BLACK MAGIC <BR />BY KENNETH GOH

    BLACK MAGIC
    BY KENNETH GOH

    Solo 6 mesi dopo la presentazione della Collezione Crociera 2013 al Loewen Cluster, la magia di Chanel è tornata a Singapore con la mostra fotografica "The Little Black Jacket", un classico Chanel rivisitato da Karl Lagerfeld e Carine Roitfeld. L'inaugurazione ha avuto luogo l’8 Novembre 2013 all’ArtScience Museum, presso il Marina Bay Sands.

    Il museo è uno degli edifici più originali di Singapore dal punto di vista architettonico. Progettato da Moshe Safdie, è a forma di fiore di loto: ciascuno dei dieci "petali" ospita varie gallerie del museo.

    Dopo le mostre di Tokyo, New York, Londra, Parigi, Milano, Pechino e Shanghai, quella di Singapore (che rimarrà aperta fino al 1° Gennaio 2014) presenta le foto sotto una luce nuova, sottolineando i valori di creatività e modernità di Chanel. Nelle fotografie, ingrandite così da raggiungere dimensioni senza precedenti, colore, texture e un sapiente gioco di luci e ombre si mescolano in combinazioni davvero sorprendenti.

    Nella parte più estrema dell'ArtScience Museum, nel cuore del nuovo edificio simbolo di Singapore, 3 ampie sale espositive sono state trasformate in un unico grande spazio per ospitare le 129 celebrities che Karl Lagerfeld ha ritratto per l'ultima edizione del libro “The Little Black Jacket” (pubblicato a Luglio 2013). La seconda edizione vede l’aggiunta di 22 nuove celebrities alle 107 della precedente, pubblicata a Settembre 2012.

    Le foto della mostra illustrano la versatilità e l’atemporalità della celebre giacca Chanel. Da Sarah Jessica Parker che la propone come una stravagante corona, alla top model Freja Beja Erichsen che la indossa sotto il collare, la direzione creativa di Karl Lagerfeld ha permesso ad ogni celebrity di interpretare la giacca secondo il proprio stile inimitabile, rendendo ciascuna immagine unica e straordinaria.

    Uno degli elementi più interessanti della mostra è sicuramente il cortometraggio che vede Yoko Ono muoversi al suono del suo tamburo, dando vita ad un ritmo che solo uno spirito eccentrico e libero può seguire.

    Un’intera parete è dedicata all’esposizione dei 22 nuovi ritratti stampati su tessuto. Le celebrities non sono tutte vestite di nero: come Keira Knightley, incantevole angelo della moda, celestiale nella sua giacca bianca e abito couture, sembra scendere sul pubblico dal cielo. La top model cinese Sun Fei Fei ha scelto un look da vedova orientale, con uno stravagante copricapo decorato con camelie Chanel, un qipao ricamato con un dragone e delle temibili unghie metalliche in omaggio al Regno di Mezzo. Il blogger Han Huo Huo ha proposto la sua interpretazione: oscuro e misterioso, con una una linea leggera di kajal attorno agli occhi.
    In un’altra sala sono esposti 4 grandi ritratti di vetro incisi a fuoco, uno per ogni colore primario. Keira Knightly in bianco celestiale, Sun Fei Fei in oro brillante (il giallo è il colore dei re dell’antica Cina), l’attrice cinese Zhou Xun in rosso imperiale (nella tradizione cinese, è simbolo di fortuna e prosperità) e Han Huo Huo in blu misterioso.

    La notte è stata favolosa e la mostra fantastica.

    Kenneth Goh, Direttore creativo, Harper's Bazaar Singapore

     

    [Informazioni aggiuntive]
  • 16 maggio 2013
    Par Kenneth Goh
    CROCIERA 2013/14 <BR />DI KENNETH GOH

    CROCIERA 2013/14
    DI KENNETH GOH

    Se Karl Lagerfeld aveva in mente una fantomatica sfilata di mille soldati della moda per il lancio della collezione Crociera 2013 di Chanel, allora ha trovato il posto giusto a Singapore: Loewen Cluster, una caserma militare in disuso a pochi minuti dai sofisticati grattacieli del centro.

    I vecchi edifici bianchi e neri sono stati ristrutturati più di sei mesi fa e trasformati in lunghe gallerie bianche, riparate dal sole tropicale grazie a persiane bianche e nere. Quel luogo ha così ritrovato gran parte del suo antico splendore coloniale, pur mantenendo nei muri scrostati e nei vecchi soffitti in legno un segno del suo più recente passato. È proprio questo charme, questo romanticismo e queste imperfezioni – assenti il più delle volte nelle nuove costruzioni – che hanno attirato Lagerfeld e che hanno creato la giusta atmosfera.

    Il risultato è stato perfetto. Il decoro è stato predisposto per il 9 maggio 2013, affinché Karl Lagerfeld potesse far sfilare l’esercito della moda di Chanel.

    Poiché la collezione Crociera si sposa con un clima mite, Lagerfeld ha fatto la scelta appropriata, individuando in Singapore – nota per le sue temperature tropicali ed il suo passato coloniale – la location adatta per la sfilata. Non avrebbe potuto trovare ambientazione migliore.

    “Le precedenti collezioni Crociera di Chanel sono state presentate in Francia: a Saint Tropez, Cap d’Antibes e Versailles. Quest’ultima sfilata ha invece segnato il lancio mondiale della collezione Crociera di Chanel a Singapore, dove il clima si mantiene mite per quasi tutto l’anno - ha detto Bruno Pavlovsky, Presidente Chanel - e le temperature sono alte da ottobre a giugno, quando la collezione è in vendita”.

    Casualmente, questa collezione coincide con il centenario dell’esordio di Coco Chanel nella moda con l’apertura della sua Boutique a Deauville, in Francia, nel 1913. Unendo lo stile coloniale con l’eleganza della costiera parigina, Lagerfeld ha creato più di 80 look dai contrasti sorprendenti. Ampi pantaloni palazzo e gonne strette a tubino. E ancora, lunghi cardigan e tuniche a righe alla marinara rese più moderne da giacchette e miniabiti all’uncinetto. Presente anche il denim, elegante come i completi da cricket: maglioni bicolore con scollo a V, camicie impeccabili, cravatte, parastinchi e mazze da cricket nei colori della squadra di Singapore. Altri punti per Chanel.

    Gli amanti delle iconiche silhouette diafane di Chanel non sono rimasti delusi nel vedere tubini impreziositi da lucidi fili di paglia nera ed abiti riccamente ricamati da Lesage con paillette blu e file di perline. Fra gli altri simboli della Maison Chanel, sensuali abiti in satin e naturalmente il tweed, questa volta in beige e blu marine a maglia traforata, perfetto per le sere tropicali. Il delicato pizzo nero foderato di popeline di cotone è abbinato a impeccabili pantaloni bianchi, sia per uomo che per donna, per un look androgino.

    Le sfilate di Chanel trasmettono sempre un tono di magia, questa volta grazie alla presenza di ambasciatrici della Maison come Chanel Zhou Xun, Anna Mouglalis, Astrid Berges-Frisbey, delle attrici Dakota Fanning, Rinko Kikuchi e delle stelle del piccolo schermo di Singapore, Zoe Tay e Fann Wong. Per la gioia degli spettatori venuti da ogni parte del mondo, hanno sfilato in passerella le splendide Stella Tennant, Joan Smalls, Cara Delevingne e le più famose modelle cinesi come Xiao Wen Ju, He Sui e Ming Xi.

    La collezione Crociera è un momento importante per Chanel, soprattutto quest’anno, con i festeggiamenti per i 100 anni della Maison di moda francese, creata dalla stessa Mademoiselle Coco Chanel nel 1913.

    Non c’è quindi da meravigliarsi che Karl Lagerfeld abbia scelto di celebrare l’evento con un cortometraggio su Coco Chanel. Sotto un cielo stellato il film - della durata di 18 minuti - è stato proiettato la sera prima della sfilata su un grande schermo, sui prati ben curati del Raffles Hotel; il tutto accompagnato da un classico cocktail, il Singapore Sling.

    Ambientato nel 1913, con Keira Knightley nelle vesti di Coco Chanel e numerosi attori, tutti di bell’aspetto, nel ruolo dei clienti e di chi li deride, il film getta uno sguardo leggero e ironico sul mondo della moda e sulle sue frivolezze. Girato in bianco e nero, il film mette in vetrina meravigliosi accessori firmati Chanel, naturalmente.

    Precedentemente, durante la sessione d’accessoirisation presso il Raffles Hotel, Karl Lagerfeld ha dato il tocco finale agli abiti presentati per questo evento internazionale. File di braccialetti e collane in lega di rodio aggiungono un tocco di modernità e di stile punk (decisamente in sintonia con il tema dell’attesissima serata al Museo Met di New York: “Punk – da caos a moda”).

    Con il tocco di Lagerfeld, insoliti abiti e pantaloni Art Deco diventano estremamente moderni, indossati con un atteggiamento spavaldo e ad una mano in tasca. “Metti la mano in tasca e cammina così”, dice Lagerfeld alla modella Saskia De Brauw. Vestita con gilet e pantaloni bianchi, sotto una giacca in tweed dal taglio maschile, sfila con disinvoltura: la mano destra stringe una borsa bianca, la sinistra in tasca. È solo una questione di allure e se c’è qualcosa da ricordare del soggiorno di Lagerfeld nella città asiatica è proprio questo: l’atteggiamento giusto può trasformare un semplice abito in qualcosa di assolutamente moderno e indispensabile.

    Kenneth Goh, Direttore creativo, Harper's Bazaar Singapore

    Photo: Olivier Saillant

    [Informazioni aggiuntive]