• 2 marzo 2015
    KRISTEN STEWART EMBODIES THE 11.12

    KRISTEN STEWART EMBODIES THE 11.12

    "For me the iconic handbag is just like the House of Chanel, fundamental and modern, two qualities not usually shared."
    Kristen Stewart

  • 2 marzo 2015
    VANESSA PARADIS EMBODIES THE GIRL CHANEL

    VANESSA PARADIS EMBODIES THE GIRL CHANEL

    "I like the fact that it blends in with clothes or against the skin with infinite gentleness".
    Vanessa Paradis

  • 2 marzo 2015
    ALICE DELLAL EMBODIES THE BOY CHANEL

    ALICE DELLAL EMBODIES THE BOY CHANEL

    "Since discovering the Boy I have found it a permanent fixture in my wardrobe. It’s a ‘fuss-free’ bag, it is very modern! The Boy bag was my first job with Chanel, it was the beginning of a unique journey. I also love the fact that it has such a romantic story behind it."
    Alice Dellal

  • 26 febbraio 2015
    ORIGINE DEL NOME "BOY CHANEL"

    ORIGINE DEL NOME "BOY CHANEL"

    "Chanel aveva questo atteggiamento, è lo spirito stesso di Chanel. Lo aveva preso da Boy Capel, il grande amore della sua vita... Per questo, la borsa si chiama Boy Chanel", spiega Karl Lagerfeld.

    Foto: Delphine Achard

  • 25 febbraio 2015
    LA STORIA DELLA BORSA ICONICA

    LA STORIA DELLA BORSA ICONICA

    Pioniera di una nuova gestualità libera e decisamente moderna, Gabrielle Chanel ha creato una borsa di cui aveva bisogno, un accessorio che potesse liberarle le mani, ma con stile: nasce così la borsa iconica della Maison.
    Ancora oggi, il design classico segue le prime partizioni dettate da Gabrielle: una tracolla intrecciata con le maglie di una catena e strisce di cuoio per consentire di portarla sulla spalla, matelassage ispirato al mondo equestre che le era caro, fodera di pelle granata che ricorda la divisa dell'orfanotrofio di Aubazine in cui era cresciuta, chiusura a tornello detta "Mademoiselle".
    Ogni stagione, Karl Lagerfeld reinterpreta la borsa iconica: materiali diversi, fermagli bijoux o matelassage a galloni arricchiscono la gamma di questo emblema della Maison. La borsa iconica è un patrimonio che si trasmette di generazione in generazione: "La moda passa, lo stile resta", diceva Coco Chanel.

    Mademoiselle Chanel by Mike de Dulmen © Collection CHANEL D.R

  • 25 febbraio 2015

    LA FABBRICAZIONE DELLA BORSA ICONICA

    L'apprendistato di un artigiano dell'atelier di manifattura dura dai 4 ai 5 anni, al fine di padroneggiare perfettamente le tecniche di produzione. La borsa classica della Maison richiede più di 180 operazioni di produzione e altrettanti gesti meticolosi.
    La selezione della pelle richiede un controllo rigoroso, deve essere perfetta. Poi, il taglio di ogni pezzo del corpo della borsa viene eseguito con l'aiuto di un modello che delimita il disegno. I punti di taglio devono quindi seguire le squame di una pelle esotica o il motivo di un tweed. Le parti del corpo della borsa sono poi snellite, trapuntate con l'ago e assemblate. Montata prima sul dorso - come un capo di Prêt-à-Porter - a poco a poco la borsa prende forma. Il corpo e il fondo sono uniti con la tecnica della "borsa nella borsa": una prima borsa va a formare l'interno, una seconda borsa forma invece l'esterno e tutte e due sono poi assemblate a mano. L'artigiano può quindi capovolgere le borse e unirle insieme. Le rifiniture necessitano ancora di qualche ritocco prima del controllo finale e del rituale dell'imballaggio.

  • 23 febbraio 2015
    JULIANNE MOORE <BR />OSCAR 2015

    JULIANNE MOORE
    OSCAR 2015

    L'attrice americana, vincitrice dell'Oscar come migliore attrice per il ruolo che interpreta in "Still Alice", indossa un abito Haute Couture disegnato per lei da Karl Lagerfeld, in occasione dell'87esima edizione degli Academy Awards a Los Angeles, il 22 Febbraio.

  • 23 febbraio 2015

    L'ABITO DI JULIANNE MOORE:
    SU MISURA PER GLI OSCAR

    Realizzato su misura da Karl Lagerfeld, il lungo abito senza spalline indossato da Julianne Moore è in organza bianca e raso di crêpe. Ricamato con 80.000 paillette di resina bianca dipinte a mano e fiori beige e neri in organza, tulle e paillette, ha richiesto 987 ore di lavoro. 27 persone hanno lavorato per realizzarlo".

  • 21 febbraio 2015
    KRISTEN STEWART <BR />40° CERIMONIA DEI CÉSAR

    KRISTEN STEWART
    40° CERIMONIA DEI CÉSAR

    L'attrice americana, che ha vinto il César come migliore attrice non protagonista per il film 'Sils Maria' di Olivier Assayas, indossava un abito Haute Couture Primavera-Estate 2015.

  • 20 febbraio 2015
    IL FILM DELL'INAUGURAZIONE <BR />DELLA NUOVA BOUTIQUE A ROMA

    IL FILM DELL'INAUGURAZIONE
    DELLA NUOVA BOUTIQUE A ROMA

  1. 1
  2. 2
  3. 3
  4. ...
  5. 20
  6. Pagina successiva